Diario del coronavirus/isolamento e restrizioni

Lunedì 16 marzo Premessa doverosa: la foto di Palazzo Chigi tricolore non è mia, ma rubata da una chat. Sarei felice di inserire il  nome dell’autore. Dopo i primi giorni sguaiati e pericolanti, si instaura una certa routine. Ormai mi alleno tutte le mattine, circa 40 minuti, cercando di alternare le varie attività. Poi approfitto…

Leggi

Diario del coronavirus/imprudenze e contagi

Settimana seconda Lunedì 9 marzo Torno al lavoro dopo quattro giorni. Il palazzo è vuoto. I pochi presenti intonano lo stesso coro: niente da fare, nessuno da chiamare, nulla da organizzare. E, a seguire, partono i bollettini di epidemia, episodi, racconti, invettive. Oggi danno scandalo i milanesi benestanti, che hanno preso le loro carabattole e…

Leggi

Diario del coronavirus/precauzioni e pregiudizi

È stata la prima settimana nella quale abbiamo davvero preso coscienza che la situazione non è rosea e che dobbiamo cambiare le nostre abitudini nel profondo. Per il nostro bene e per il bene di chi amiamo. Un piccolo diario della vita quotidiana per misurare la strada che stiamo percorrendo. Lunedì 2 marzo In ufficio…

Leggi

Strascichi delle Galapagos

Qualche settimana fa ho accettato il ruolo di ’ambasciatrice’ di Project abroad, l’associazione con la quale sono andata due volte a fare volontariato ambientale, prima in Costa Rica e lo scorso agosto a San Cristobal, Galapagos, Ecuador. Questo ha comportato l’attenzione di alcune altre associazioni che mi hanno chiesto opinioni e consigli sulle mie avventure.…

Leggi

La mia alba nella Cappella Sistina

Entrare nella cappella Sistina deserta non è cosa da poco. Certo, si deve pagare un prezzo, sia economico che personale. Perché, per essere i primi bisogna ingarellarsi con il sole e uscire con l’alba. Non un problema per me che sono allodola di natura. Ed è stato parte del fascino, arrivare in scooter al Vaticano…

Leggi

Castelfusano in trekking o quasi

Mi hanno guardato con esasperata sorpresa -mista a compatimento- le mie due gatte quando mi hanno visto pronta per la strada. “Santo cielo, ma dove va questa qui, di domenica alle otto e mezzo mattina, con un tempo senza colore”. Le loro vibrazioni da ziette apprensive non mi hanno fermato. E dunque, musica in canna…

Leggi

Trentamila passi

Trentamila passi, il mio record. Almeno da quando ho il Fitbit. Uno dietro l’altro tra i monti del parco dell’Uccellina, in salite e discese segnate senza essere battute. Un cielo blu di gennaio sulla testa, nessuna concessione alla primavera. Generosità d’inverno, piuttosto. Quando gli occhi attraversano l’aria fina, l’orizzonte ti ricorda che nuove prospettive sono…

Leggi

#25 novembre, per le donne un giorno non basta

Di proposito pubblico queste riflessioni in un giorno qualunque. Non uno espressamente dedicato alle donne. Perché la questione è ben più seria di chiacchiere un paio di volte l’anno. Prima era solo l’8 marzo. Ora abbiamo anche il 25 novembre. Due giornate su 365 per ricordare disuguaglianza, violenze, sessismo, misoginia e quant’altro. Ostacoli più o…

Leggi

I (nuovi?) mostri – il Paese che non voglio

Roma, una strada qualunque. Un taxi si ferma in doppia fila, bloccando il traffico. Con calma olimpica, il conducente si prende il suo tempo per far pagare il cliente, scende, tira fuori una valigia dal dal portabagagli. Nessuno strombazza. L’auto dietro  aspetta. Io a fianco in motorino. Lui butta un’occhiata alla macchina in attesa e…

Leggi

Senza contanti

Mia figlia vive nel Regno Unito da sette anni. Per incontrarci sempre più spesso vado io a trovarla poiché in Italia lei si sente estranea e lontana dai suoi coetanei, modi di vivere, pensare, essere. Questa, però, non è la storia che voglio raccontare. Magari un’altra volta. Dopo anni, quindi, di frequentazioni e soggiorni Oltremanica,…

Leggi