#25 novembre, per le donne un giorno non basta

Di proposito pubblico queste riflessioni in un giorno qualunque. Non uno espressamente dedicato alle donne. Perché la questione è ben più seria di chiacchiere un paio di volte l’anno. Prima era solo l’8 marzo. Ora abbiamo anche il 25 novembre. Due giornate su 365 per ricordare disuguaglianza, violenze, sessismo, misoginia e quant’altro. Ostacoli più o…

Leggi

I (nuovi?) mostri – il Paese che non voglio

Roma, una strada qualunque. Un taxi si ferma in doppia fila, bloccando il traffico. Con calma olimpica, il conducente si prende il suo tempo per far pagare il cliente, scende, tira fuori una valigia dal dal portabagagli. Nessuno strombazza. L’auto dietro  aspetta. Io a fianco in motorino. Lui butta un’occhiata alla macchina in attesa e…

Leggi

Senza contanti

Mia figlia vive nel Regno Unito da sette anni. Per incontrarci sempre più spesso vado io a trovarla poiché in Italia lei si sente estranea e lontana dai suoi coetanei, modi di vivere, pensare, essere. Questa, però, non è la storia che voglio raccontare. Magari un’altra volta. Dopo anni, quindi, di frequentazioni e soggiorni Oltremanica,…

Leggi

Le regole di gioco

Non vedo e non sento. Ma parlo. A Verona succede così, i sensi si dissociano l’uno dall’altro e ciascuno va per conto suo. Dimenticando la coscienza e i valori, che con tutta evidenza sono indaffarati altrove. Accade così che alcuni, a cominciare dal sindaco della città (non lo nomino, non mi va), non abbiano udito…

Leggi

Gualapagueira, a caccia di tartarughe giganti

Tra i progetti seguiti durante le mie tre settimane come volontaria a San Cristobal, isola di media dimensione alle Galapagos, il più importante è senz’altro quello che riguarda le tartarughe di terra. I volontari vi dedicano tre mattine alla settimana e parecchie energie fisiche. Nonché tutti gli abiti indossati che alla fine risultano totalmente inservibili.…

Leggi

Teresa Bellanova, merito e garbo

Teresa Bellanova incarna l’emblema di chi ce l’ha fatta. Da sola e senza scorciatoie. Anzi, con qualche handicap sociale e culturale. Non viene da una famiglia agiata e fornita di conoscenze. Non ha avuto borse di studio. Ha cominciato a lavorare molto giovane, appena possibile. Bracciante agricola, primo gradino. Eppure, adesso eccola lì, ministro. Ovvio…

Leggi

La vita del volontario

Alla seconda esperienza di volontariato per l’ambiente, posso dire di avere acquistato dimestichezza con ritmi e riti di questo modo di impiegare il tempo. C’è una certa atmosfera che si crea negli equilibri tra giovani e meno giovani, persone che arrivano da tutto il mondo per trascorrere qualche settimana o qualche mese dedicandosi a un…

Leggi

Galapagos e sea lions, impossibile separarli

Te ne innamori a prima vista. Sono buffi e simpatici, amichevoli senza essere invadenti, languidi e scattanti, goffi e sinuosi. I leoni marini sono sicuri di sé e del loro posto nel mondo. La prima impressione che trasmettono è quella di essere a proprio agio. Sono colonie di una ottantatina di individui ciascuna, più o…

Leggi

Isla Isabela, ho nuotato tra gli squali

Isla Isabela è il posto più lontano dall’Italia dove sono mai stata. Più lontano di Sumatra, più lontano del Vietnam. Così lontano che non ci arrivano nemmeno le zanzare. Magari le formiche urticanti che te le fanno rimpiangere, magari i mosquitos che ti fanno venire ponfi extralarge, ma zanzare no. Isabela, come la chiamano confidenzialmente,…

Leggi

Quito, breve ma intenso

Solo poche ore, ma ci siamo tanto amati. Un feeling immediato tra noi. Intanto la posizione, sdraiata tra i vulcani, tutti attivi, alcuni così alti da superare i 4000 metri. Sono salita sul Pichincha dove è stato costruito El TeleferiQo, funivia lunga oltre 2500m per sorvegliare Cruz Loma. È uno degli ascensori aerei più alti…

Leggi