La mia Palermo

Non so proprio da dove cominciare. Forse dall’aereoporto. Appena atterrata sono stata invasa da un inspiegabile senso di felicità, sprigionavo aspettative e vibravo di impazienza. Sono, -quanti?- quindici anni forse che non mettevo piede in Sicilia e me la sono subito sentita sento addosso come se fosse casa mia. Sangue che si sveglia? Non ci…

Treni tumultuosi

Non siamo nemmeno partiti che  l’intrepida Freccia rossa selezionato ha già magicamente accumulato 50 minuti di ritardo. Cinque rosicchiati alla partenza, gli altri in splendida performance prima di Orte. Io, davvero, non capisco come ci sia riuscito… Una circostanza che ha scatenato le ire della ragazzina  mia dirimpettaia. Un vero stereotipo del l’adolescenza negativa, concentrato…