Trentamila passi

Trentamila passi, il mio record. Almeno da quando ho il Fitbit. Uno dietro l’altro tra i monti del parco dell’Uccellina, in salite e discese segnate senza essere battute. Un cielo blu di gennaio sulla testa, nessuna concessione alla primavera. Generosità d’inverno, piuttosto. Quando gli occhi attraversano l’aria fina, l’orizzonte ti ricorda che nuove prospettive sono…